FilmE tunait: Guns, Girls and Gambling




Che succede quando uno squattrinato "impersonator" di Elvis si trova in un casinò in mezzo al deserto, accusato del furto di una preziosa maschera indiana?

Film divertente che unisce un maniacale citazionismo (ce n'è per tutti, da Russ Meyer fino ad "Una notte da leoni" di cui ricorda in parte l'incastro di sceneggiatura) ad una storia che resta avvincente anche se con un finale che "telefona" colpi di scena, tirando anche qualche colpo basso allo spettatore...

I dialoghi vorrebbero essere tarantiniani, ma... Non lo sono: restano forzatamente lunghi e le battute opinabili (diciamo che è una comicità molto americana).
Il cast è notevole (anche considerando anche che il regista, Winnick, non ha un "nome" alle spalle), però troppo chiuso dietro gli stereotipi dei personaggi da film pulp degli anni '90. Per cui potrai essere curioso di vedere Gary Oldman ed il suo "impersonator" di Elvis, ma più per la versatilità dell'attore che per un effettivo interesse alla sceneggiatura.

Quindi non aspettatevi il capolavoro: il film tra botteghino e recensioni varie andrà male (qualche superstizioso darà la colpa a Christian Slater e la sua fama "opaca" hihi) però l'ho visto e mi è piaciuto, nella sua americana leggerezza regala quella sana ora e mezza di auto, esplosioni e azione.
        [25/01/13]












    [ Edit ]        [ Back ]